Regioni e bandi fotovoltaico: anche le Amministrazioni ci credono

[fa icon="calendar"] 04/11/19, 11:45 / da Dario Barbuti - Presidente

fiducia-rinnovabili

Veneto e Lombardia sono solo le ultime regioni, in ordine di tempo, ad aver attivato bandi per l’incentivazione dei sistemi di accumulo. Misure importanti che confermano quanto la Pubblica Amministrazione creda nelle energie rinnovabili, in particolare nel fotovoltaico, e voglia spingere sempre più cittadini a convertirsi al solare.

Se abiti in Lombardia l'accumulo fotovoltaico è praticamente gratis

In data 21 giugno 2019 la Regione Lombardia ha approvato, con Delibera della Giunta Regionale, lo stanziamento di 4,4 milioni di euro per favorire l’utilizzo di sistemi di accumulo di energia elettrica prodotta con impianti fotovoltaici.

Il contributo regionale, suddiviso in due tranche – una per il 2019 e una per il 2020 – ti permetterà di coprire il 50% delle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di un sistema di batterie per l’accumulo fotovoltaico a servizio di un impianto residenziale per la produzione di elettricità dal sole.

Una misura interessante, soprattutto perché è cumulabile con eventuali altre agevolazioni, ad esempio il Bonus Ristrutturazioni, fino al raggiungimento del 100% dell’importo delle spese ammissibili.

Ciò significa che, se risiedi in Lombardia e installi un sistema di accumulo entro il 31 dicembre 2020 su un impianto fotovoltaico già esistente o di prossima realizzazione, puoi presentare domanda e riuscire a recuperare il 100% del tuo investimento, godendo poi per gli anni successivi di un ulteriore risparmio, dovuto ai benefici dell’autoconsumo diretto e differito.

Qui trovi il testo completo del bando, con le modalità per inoltrare la tua domanda.

La Regione Lombardia non è nuova a questo tipo di iniziative: il bando 2019/2020 è infatti giunto alla sua terza edizione e ci si aspetta una buona risposta dai cittadini.

La Lombardia, infatti, è la prima regione d’Italia per autoconsumo solare: secondo i dati del GSE per il 2018, sul suolo lombardo viene generato il 36% di tutta l’energia prodotta con pannelli fotovoltaici, che viene impiegata dagli stessi produttori per alimentare le reti domestiche e aziendali.

Segue, a ruota, il Veneto, che occupa il secondo gradino del podio in quanto ad autoconsumo fotovoltaico. Anche qui la Giunta Regionale ha approvato nei mesi scorsi un provvedimento a favore dei cittadini residenti che vogliono installare un sistema di accumulo. Il bando, che metteva a disposizione 2 milioni di euro in contributi a fondo perduto da sfruttare per l’acquisto e l’installazione degli storage da collegare all’impianto fotovoltaico residenziale, è già terminato. Tuttavia in futuro verranno sicuramente attivate nuove iniziative simili, quindi ci saranno altre opportunità per risparmiare sui costi di pannelli e batterie.

E non è finita qui.

Bandi regionali per incentivare le energie rinnovabili

Sul BUR della Regione Puglia lo scorso agosto è stato pubblicato un bando per l’assegnazione di contributi per l’acquisto e l’installazione di punti di ricarica domestica per veicoli elettrici alimentati da fonte rinnovabile. E lo stesso ha fatto, recentemente, la Regione Emilia Romagna.

Il Molise, invece, ha attivato un Fondo Energia di 6.700.000 euro per concedere incentivi a tasso zero agli Enti Pubblici interessati “all’installazione di sistemi di produzione di energia da fonte rinnovabile da destinare all’autoconsumo associati a interventi di efficientamento energetico dando priorità all’utilizzo di tecnologie ad alta efficienza”.

E questo solo guardando agli ultimi mesi del 2019.

Se torniamo indietro di qualche anno possiamo notare come sempre più Regioni abbiano deciso di incentivare privati e imprese che decidono di passare alle energie rinnovabili.

Perché?

Da un lato ci sono le normative, europee e nazionali, che impongono a privati e imprenditori di ridurre il consumo di combustibili fossili, favorendo la produzione di elettricità e calore attraverso l’utilizzo di fonti alternative e rinnovabili. E l'energia solare è sicuramente una soluzione efficace per salvaguardare il Pianeta.

Dall’altro c’è la volontà, dei cittadini in primis, di ridurre i consumi e le spese energetiche che gravano ogni mese sul bilancio familiare.

Lo sapevi che con il fotovoltaico puoi anche riscaldare la tua casa?

Con un impianto fotovoltaico dotato di batterie per l’accumulo dell’energia prodotta puoi davvero dare un taglio alla bolletta e risparmiare fino al 80-90% sui costi dell’energia, contribuendo al contempo alla riduzione delle emissioni inquinanti.

Ed è proprio in quest’ottica che è nata la collaborazione tra Wölmann e IKEA. L’obiettivo è quello di rendere il fotovoltaico davvero alla portata di tutti, così da incentivare le famiglie a passare alle energie rinnovabili e fare allo stesso tempo del bene all’ambiente.

Prova subito il configuratore e scopri in tempo reale qual è e quanto costa l'impianto fotovoltaico più adatto a te.

configura il tuo impianto fotovoltaico e scopri i prezzi

 

Categoria: Detrazioni e Normative, Fotovoltaico con Accumulo

Dario Barbuti - Presidente

Scritto da Dario Barbuti - Presidente

Da una sua visione nasce Wölmann, la prima Solar company in Italia. L’attenzione al dettaglio e alle esigenze del cliente sono gli elementi chiave che gli hanno consentito di costruire un modello vincente di azienda. CEO della azienda, fa della disponibilità e fiducia verso il suo staff gli ingredienti essenziali per la costruzione di una azienda del futuro, una sfida che vede il sole come l’unica scelta possibile.