Caratteristiche dei pannelli fotovoltaici amorfi

[fa icon="calendar"] 14/09/17 12.15 / da Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

Caratteristiche dei pannelli fotovoltaici amorfi

Nel settore fotovoltaico, si sa, le tecnologie sono sempre in evoluzione. Negli ultimi anni si sente sempre più parlare di pannelli fotovoltaici amorfi: scopriamo insieme di che si tratta.

Come sono fatti i moduli fotovoltaici? 

Tutti sappiamo a cosa serve un pannello fotovoltaico: per catturare e convertire la luce solare in elettricità. Installati sul tetto di casa, i pannelli ti permettono di aumentare l’indipendenza energetica, perché ti forniscono la corrente necessaria per far funzionare luci ed elettrodomestici. In questo modo ti liberi dal Gestore e dai continui aumenti dei prezzi dell’energia elettrica. 

Vuoi sapere quanto puoi risparmiare in casa con il fotovoltaico? Scoprilo in questo articolo. 

Ma cosa si nasconde dentro i moduli? Molecole di silicio, più o meno puro, che vanno a comporre le celle fotovoltaiche. Il 90% dei pannelli installati sui tetti delle case sono realizzati con silicio monocristallino o policristallino. Come individuarli? Sono quelli con le celle ben divise e organizzate, come quelli della foto.

 Caratteristiche dei Pannelli Fotovoltaici Amorfi.jpg

 

Negli ultimi anni, però, la tecnologia si è evoluta e sono stati lanciati sul mercato dei pannelli in silicio amorfo (a-Si), una variante più grezza del silicio cristallino, capace comunque di attivare l’effetto fotovoltaico. In questo caso non si parla più di celle, perché il silicio viene deposto sulla superficie da rivestire (che può essere in vetro, plastica o lamiera) in maniera uniforme, formando così un unico film sottile dello spessore di pochi millimetri. 

Questo particolare processo di produzione comporta l’utilizzo di minori quantità di silicio, rispetto ai pannelli mono e policristallini, e contribuisce a rendere questi moduli una soluzione a minor impatto ambientale.

 

Caratteristiche dei Pannelli in Silicio Amorfo

  • Prezzi convenienti

I pannelli in silicio amorfo costano in media il 30-40% in meno rispetto ai pannelli in silicio cristallino. Sono quindi più economici e rappresentano il giusto compromesso per chi vuole beneficiare dei vantaggi del fotovoltaico senza indebitarsi troppo. 

  • Efficienti al punto giusto

È risaputo che i pannelli realizzati con questa tecnologia hanno rendimenti più bassi rispetto ai moduli in silicio cristallino. Poiché è presente meno silicio, la densità energetica del materiale è minore e servono superfici più ampie per ottenere lo stesso rendimento dei pannelli tradizionali. Le continue innovazioni nel settore del fotovoltaico, però, permettono di aumentare l’efficienza totale utilizzando celle multi giunzione con strati di materiale fotovoltaico sovrapposti, che sfruttano spettri di radiazione solare diversi. Un ulteriore passo avanti riguarda la possibilità di installare sotto ciascun pannello degli ottimizzatori di potenza che consentono di avere fino al 10% in più di energia, soprattutto in condizioni difficili. 

Leggi anche questo articolo sulle dimensioni dei pannelli fotovoltaici, per sapere quanti moduli sono necessari per soddisfare il fabbisogno energetico di una famiglia media.

  • Versatilità di utilizzo

I moduli a film sottile sono disponibili nella tradizionale versione a pannello rigido o in rotoli flessibili e leggeri. Questo facilita l’installazione e permette un’alta integrazione architettonica, con applicazioni creative anche su superfici curve. Inoltre la colorazione omogenea (di solito nera o comunque scura) agevola l’installazione in quei contesti dove è richiesta una maggior resa estetica, come per il fotovoltaico in centro storico. 

  • Prestazioni migliori con condizioni di luce peggiori

Questo tipo di pannelli fotovoltaici ha una resa energetica maggiore in caso di nuvolosità o ombreggiamenti, rispetto ai moduli cristallini. Questo perché il silicio amorfo è più efficiente con potenze incidenti inferiori a 300 W/m2. Ecco perché i pannelli fotovoltaici amorfi assicurano buone rese anche nelle prime ore del mattino o quando il cielo è coperto, e sono particolarmente adatti per zone a basso livello di irraggiamento solare. 

  • Tecnologia a basso impatto ambientale

Ricerche scientifiche confermano che l’EPBT (Energy Pay-Back Time) di un pannello in silicio amorfo è di soli 2 anni, contro i 6-8 anni dei moduli in silicio cristallino. Ciò significa che in 24 mesi ogni modulo è in grado di produrre una quantità di energia pari a quella utilizzata per produrlo, azzerando così in poco tempo il suo impatto sull’ambiente.

 

Quando è meglio acquistare Pannelli Fotovoltaici Amorfi? 

  • Se hai un tetto molto grande e puoi sfruttare un’ampia porzione di spazio per l’installazione dei pannelli
  • Se il tuo tetto ha un’esposizione non ottimale o magari ha una forma strana, curva o non regolare
  • Se vuoi spendere un po’ meno, senza rinunciare alla qualità e alle performance
  • Se vivi in una zona vincolata dal punto di vista architettonico o paesaggistico e hai bisogno di integrare facilmente i moduli fotovoltaici sulla copertura della tua abitazione
  • Se abiti in zone con caratteristiche climatiche sfavorevoli, come la Pianura Padana, dove la presenza della nebbia attenua la radiazione solare. A tal proposito leggi anche questo articolo sul funzionamento dell’impianto fotovoltaico in caso di nebbia. 
  • Se cerchi una tecnologia sostenibile per produrre energia in maniera sicura e pulita, con un bilancio energetico attivo

Ti riconosci in una o più di queste condizioni? Allora i pannelli fotovoltaici amorfi sono la soluzione ideale per te.

Per approfondire l’argomento e saperne di più sul funzionamento di un impianto fotovoltaico, scarica Gratis la Guida su come scegliere il pannello migliore per soddisfare le tue esigenze energetiche. È gratis e la puoi consultare anche da mobile.

scopri tutto su come scegliere i migliori pannelli fotovoltaici

Categoria: Pannelli Fotovoltaici

Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

Scritto da Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

Ingegnere e progettista di impianti elettrici e fotovoltaici civili ed industriali. A capo dell’ufficio tecnico, assieme al suo staff, è attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente e progetta nuove soluzioni di impianti adatti ad ogni persona e ogni edificio.