Quale impianto fotovoltaico per riscaldamento a pavimento

[fa icon="calendar"] 10/01/19 18.00 / da Serena Tarricone - Ufficio tecnico

Quale impianto fotovoltaico per riscaldamento a pavimento

Grazie al fotovoltaico per riscaldamento a pavimento puoi godere del massimo comfort domestico e, allo stesso tempo, abbassare le bollette del gas e della corrente. Ma qual è il sistema migliore? Scopriamolo insieme.

Per sfruttare l’energia autoprodotta dai pannelli in maniera intelligente, così da ridurre oltre alle spese per l'elettricità anche i costi del gas, puoi installare un sistema di riscaldamento a pavimento. 

Un impianto di questo tipo ti permette di avere il massimo comfort in casa, con una spesa davvero ridotta, in alcuni casi praticamente nulla. I pannelli radianti sfruttano il principio dell’irraggiamento, cioè trasmettono il calore alla zona desiderata in maniera uniforme, dal basso verso l’alto.

Quando si parla di riscaldamento a pavimento, però, si possono intendere due diversi tipi di impianto:

  • il riscaldamento elettrico
  • il riscaldamento a pavimento con tubazioni in cui scorre acqua calda

Nel primo caso è l’impianto elettrico ad alimentare direttamente i pannelli radianti, emanando onde infrarosse che non vengono assorbite dall’aria ma dai corpi solidi con i quali si scontrano, trasformandosi così in energia termica. Abbinando a questo tipo di impianto i pannelli fotovoltaici hai un risparmio ancora maggiore sui costi di esercizio, perché sfrutti l’elettricità prodotta dai moduli in maniera completamente gratuita, invece di acquistare la corrente dal Gestore. 

Il riscaldamento elettrico è una soluzione conveniente ed ecocompatibile, in quanto non c’è alcuna produzione di CO2 né si formano campi elettromagnetici, Inoltre permette:

  • Regolazione indipendente della temperatura in ogni stanza
  • Installazione veloce e poco invasiva, ideale anche in caso di ristrutturazione
  • Funzionamento silenzioso 

Il riscaldamento elettrico radiante sembrerebbe quindi la soluzione ideale, per tagliare la bolletta del riscaldamento. Tuttavia, resta sempre aperto il problema dell’acqua calda sanitaria. Per produrla sei costretto ad acquistare un generatore che assolve a questa funzione. E ovviamente noi ti consigliamo di rimanere sull’elettrico, per poter ottimizzare la produzione dei moduli fotovoltaici. 

Chi ha già installato in casa un sistema di riscaldamento a pavimento tradizionale, composto cioè da tubazioni in cui scorre acqua calda, o è orientato su una scelta di questo tipo, può comunque beneficiare dei vantaggi del fotovoltaico per abbassare ulteriormente le bollette di luce e gas.

Vediamo come.

Riscaldamento e acqua calda a costo zero con fotovoltaico + pompa di calore 

Nei tubi dell’impianto a pavimento scorre acqua calda che può essere prodotta da una caldaia a condensazione, da un generatore a biomassa o da una pompa di calore. Quest’ultima soluzione è sicuramente la più conveniente ed ecologica. 

Come abbiamo visto in questo articolo, la pompa di calore sfrutta il calore presente naturalmente nell’ambiente e lo utilizza per riscaldare l’acqua da inviare al sistema termoidraulico. Da solo questo generatore è in grado di coprire l’80% del fabbisogno termico annuo di una famiglia. 

Inoltre la pompa di calore funziona a basse temperature ed è quindi l’ideale per un sistema di riscaldamento a pavimento che richiedere acqua a 30-40°C. 

Per ridurre ulteriormente i costi è possibile integrare tra loro diversi sistemi, come ad esempio il fotovoltaico con la pompa di calore. In quanto apparecchio elettrico, il generatore ha bisogno di elettricità per attivarsi. Se questa gli viene fornita direttamente dai pannelli posizionati sul tetto, il risparmio aumenta sensibilmente. 

Combinando fotovoltaico e pompa di calore per alimentare il riscaldamento a pavimento ti assicuri riscaldamento e acqua calda a costo zero, perché utilizzi solamente l’energia autoprodotta, senza dover più dipendere dal Gestore. 

Con il fotovoltaico per riscaldamento a pavimento dai un taglio alle spese. E se il tuo impianto a pannelli radianti lo prevede, puoi sfruttare l’energia autoprodotta anche per il raffrescamento estivo. 

Quali e quanti pannelli fotovoltaici servono per il riscaldamento a pavimento? 

Sia che tu voglia installare il riscaldamento elettrico radiante sia che tu voglia optare per la pompa di calore, per alimentare un impianto a pavimento tradizionale, sfruttare l’energia prodotta dal fotovoltaico ti permette di risparmiare moltissimo. 

È importante, però, scegliere con attenzione il tipo e il numero di pannelli fotovoltaici, sulla base dello spazio a disposizione e delle esigenze della tua famiglia. Se hai richiesto un preventivo fotovoltaico online tieni in considerazione tutte le necessità presenti e future, per dimensionare correttamente l’impianto così da limitare al massimo i prelievi dalla Rete. 

Inoltre valuta anche la possibilità di integrare nell’impianto fotovoltaico un sistema di batterie per l’accumulo. L’impianto termico, soprattutto se serve anche per produrre acqua calda sanitaria, deve funzionare tutto il giorno e sarebbe un peccato non poter usufruire di energia autoprodotta proprio nei momenti in cui il picco di richiesta è maggiore, cioè alla sera o al mattino presto. 

Grazie agli accumulatori puoi immagazzinare l’energia prodotta dai pannelli durante le ore diurne e utilizzarla quando ne hai effettivamente bisogno.

Per approfondire, leggi questo articolo sui vantaggi dell’accumulo fotovoltaico. 

Sei deciso a sfruttare il fotovoltaico per riscaldare la tua casa? Scopri qual è l’impianto più adatto a te. Prova gratis il nostro configuratore.

Scopri quanto puoi risparmiare, in 60 secondi!

Categoria: Riscaldamento con fotovoltaico

Serena Tarricone - Ufficio tecnico

Scritto da Serena Tarricone - Ufficio tecnico

Laureata in Ingegneria Edile, si occupa di progettare la migliore soluzione solare in termini di efficenza e produttività. Soluzioni “su misura” pensate per soddisfare le esigenze del cliente, senza tralasciare l’aspetto estetico ed architettonico in relazione al contesto ambientale e al fabbricato.