Installazione Pannelli Fotovoltaici a Regola d’Arte

[fa icon="calendar"] 20/01/17 16.30 / da Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

installazione-pannelli-regola-darte.jpg

Come si esegue un’installazione di pannelli fotovoltaici a regola d’arte? Abbiamo seguito i tecnici Wolmann durante un’operazione di posa ed ecco cosa abbiamo scoperto.

 

Il tetto perfetto per il fotovoltaico

Installazione pannelli solari a regola d'arte.png

Per sfruttare il sole e generare corrente elettrica da una fonte gratuita e rinnovabile non è sufficiente posizionare i moduli e collegarli al contatore di casa. È necessario affidarsi a dei professionisti del settore, in grado di valutare la capacità del tetto di produrre energia elettrica prima di effettuare l’installazione dei pannelli fotovoltaici.

Come calcolare la producibilità dell’immobile? Attraverso l’analisi tecnica dei seguenti fattori.

  • Inclinazione: il tetto ideale dovrebbe essere inclinato di 20-30°. In questo modo i pannelli hanno la possibilità di catturare la maggior parte dei raggi solari, in qualsiasi momento della giornata. Nel caso il tuo tetto sia piano, puoi sempre ricorrere a zavorre e supporti in grado di aumentare l’inclinazione.
  • Orientamento: la tua casa affaccia a Nord, Sud, Est o Ovest? L’esposizione migliore sarebbe a sud, dove l’irraggiamento è maggiore, ma i continui progressi tecnologici hanno portato sul mercato dei nuovi pannelli chiamati CIS (dal nome dei tre elementi che li compongono: rame, indio e selenio), in grado di garantire elevate prestazioni anche per i tetti orientati a nord.
  • Latitudine: la posizione geografica è un altro degli aspetti che influenza il rendimento. Al Nord Italia un impianto da 1 kW produce 1.000 kWh/anno, mentre al Sud arriva anche a 1.500 kWh/anno.
  • Tipologia di falda e ostacoli: prima della posa i tecnici valutano attentamente lo spazio a disposizione e la presenza di eventuali ostali (antenne, lucernari, camini) che potrebbero ridurre la porzione di tetto da destinare all’impianto fotovoltaico. Considera che le dimensioni di un pannello fotovoltaico sono di 1,64 x 0,99 m, quindi un impianto standard da 3 kW formato da 12 pannelli policristallini da 250 watt ciascuno occupa circa 20 mq.

Come si calcola il numero di pannelli da installare?

Per predisporre un progetto personalizzato, gli ingegneri dell'ufficio tecnico di Wölmann analizzano le abitudini di consumo della famiglia. Il fabbisogno energetico annuo da soddisfare è il parametro di riferimento, per capire di quanta potenza hai bisogno e, di conseguenza, di quanti pannelli fotovoltaici dovrà essere costituito l’impianto.

Il calcolo viene effettuato confrontando le ultime bollette della luce, dove è indicato il totale dei kWh consumati in un anno. Nell’analisi viene considerata anche la presenza di piccoli e grandi elettrodomestici in casa, l’uso che ne fai durante il giorno e l’eventuale previsione per l’acquisto di nuovi apparecchi elettrici come un piano cottura a induzione o una pompa di calore. 

Ipotizzando che i tuoi consumi rimangano invariati per i prossimi 25 anni oppure che subiscano un incremento/decremento, gli esperti del solare sono in grado di consigliarti l’impianto più adatto per rispondere in maniera ottimale alle tue esigenze. Un sistema fotovoltaico correttamente dimensionato ti assicura autonomia energetica e ti rende indipendente dal gestore dell’elettricità. Autoproducendo l’energia elettrica di cui hai bisogno, risparmi sulla bolletta e ti metti al riparo dai continui aumenti del prezzo della corrente. Per capire come fare leggi anche questo articolo.

Materiali e garanzia: come scegliere il pannello migliore? 

In commercio esistono diversi tipi di pannelli fotovoltaici: monocristallini, policristallini o gli innovativi moduli CIS, di cui abbiamo parlato prima. Non ne esistono di migliori o peggiori: a differenziarli sono le prestazioni e la capacità di rispondere alle specifiche esigenze di ogni famiglia.

Ci sono delle carattreristiche fondamentali che distinguono un pannello dall’altro. Tra queste, quelle da tenere in considerazione, in fase di scelta, sono sicuramente:

  • I materiali con cui sono realizzati: assicurati che i pannelli fotovoltaici che verranno installati sul tuo tetto siano realizzati da produttori affidabili, con materiali di qualità, e che siano certificati secondo i più recenti standard europei.
  • La durata della garanzia: i migliori pannelli sono quelli che durano di più. Verifica che sia presente una garanzia di almeno 25 anni sui moduli e che al 25esimo anno il rendimento assicurato sia pari all’80% della potenza minima nominale. 

Installazione pannelli fotovoltaici: posa e manutenzione 

 appiano_gentile_1.jpg

L’intervento di installazione dei pannelli dura circa un giorno. La posa, infatti, è un’operazione veloce e per nulla invasiva. Gli operai lavorano prevalentemente all’esterno, senza causare disagi alla famiglia.

Uno dei vantaggi del fotovoltaico è che i moduli, una volta posati sul tetto, non necessitano di grandi manutenzioni. Sono raccomandati, nel corso del ciclo di vita, interventi di lavaggio dei pannelli, che puoi affidare a tecnici specializzati. 

Scegliere il pannello giusto è fondamentale, per poter usufruire di un risparmio importante in bolletta. In questa guida puoi trovare preziosi consigli per individuare la tipologia più adatta per la tua abitazione. Scarica il PDF e consultalo gratuitamente da pc, smartphone o tablet.

New Call-to-action

 

Categoria: Pannelli Fotovoltaici, Consigli

Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

Scritto da Luca Corbetta - Responsabile ufficio tecnico

Ingegnere e progettista di impianti elettrici e fotovoltaici civili ed industriali. A capo dell’ufficio tecnico, assieme al suo staff, è attento all’evoluzione delle fonti rinnovabili e al rispetto per l’ambiente e progetta nuove soluzioni di impianti adatti ad ogni persona e ogni edificio.